Saranno due volumi, il catalogo dell’Archivio e il catalogo della Biblioteca, a essere presentati questo pomeriggio alla Biblioteca Leonardo Lagorio di Imperia. Si tratta di due lavori dedicati a Edmondo De Amicis e curati Diego Divani, dottore di ricerca dell’Università di Genova, grazie alla sinergia attivata tra l’istituto culturale imperiese e il professor Franco Contorbia. Due lavori che sistematizzano e catalogano quanto la biblioteca imperiese custodisce da mezzo secolo per volontà della vedova del figlio di De Amicis, Ugo, ovvero lo studio del celebre scrittore, con gli oggetti dell’epoca, ma anche e soprattutto la biblioteca e le carte manoscritte. Le tre sezioni dei cataloghi – carte, corrispondenza e iconografia – vede una descrizione dei documenti che offre una panoramica delle particolarità del fondo e una precisa definizione delle caratteristiche di ogni singolo oggetto. Nell’ottica di una fruizione aperta e diffusa, inoltre, sono un’indispensabile integrazione del parallelo progetto di digitalizzazione dei materiali deamicisiani accessibili e consultabili sul portale Carte d’autore online – Archivi e biblioteche digitali della modernità letteraria italiana.

Questo pomeriggio, 29 marzo, alle 17.00 i cataloghi saranno presentati nelle due edizioni a stampa nel corso di un pomeriggio di approfondimento dedicato a Edmondo De Amicis. L’occasione sarà anche ghiotta per riscoprire il piccolo spazio museale dedicato allo studio dell’autore e approfondire il progetto di valorizzazione del fondo bibliografico e manoscritto dell’autore, nato proprio nei pressi dell’attuale biblioteca, nell’odierna Piazza De Amicis.

Il patrimonio archivistico di Edmondo De Amicis ha da tempo rinvigorito la fortuna del celebrato autore di Cuore, stimolando una ricca produzione di studi e ricerche concretizzatasi, a partire dagli anni Ottanta, nella pubblicazione di testi inediti, nella realizzazione di mostre e convegni, nell’elaborazione di saggi critici che hanno permesso di ricomporre, in una forma complessa e sfaccettata, il profilo della vita e dell’opera di uno dei più importanti scrittori italiani dell’età moderna.

Interverranno all’incontro alla Lagorio, oltre al curatore, anche i docenti Matilde Dillon Wanke,  Andrea Aveto e Franco Contorbia, coordinatore del Progetto, nonché eminente studioso deamicisiano e del Fondo bibliografico e manoscritto dell’Autore.

(Visited 27 times, 1 visits today)