Il Centro Studi Stan Kenton di Sanremo sta preparando la XVII edizione di Zazzarazzaz-Festival della Canzone Jazzata, che in questi ha portato al pubblico matuziano artisti quali Vinicio Capossela, Sergio Caputo, Neffa, Giorgio Conte, Tetes de Bois e molti altri.

Anche se non sono ancora definite le date (comunque prima di Ferragosto), il direttore artistico Freddy Colt, affiancato dal vice Francesco Giorgi e altri collaboratori, si è messo al lavoro per concepire il programma della rassegna, unica in Italia per celebrare, a partire dal lontano 1997, un particolare filone della canzone italiana, lo swing canoro. L’edizione si articolerà in tre serate con ospiti di riguardo e progetti emergenti selezionati dal panorama musicale nazionale.

La cosa certa, al momento, è che questa edizione verrà dedicata al ricordo di un grandissimo artista ligure, cantautore, interprete, poeta e sincero appassionato di jazz tradizionale: Bruno Lauzi. Ricorrono infatti quest’anno i 10 anni dalla scomparsa dell’artista che del Csk fu amico e che ebbe sempre un forte legame con Sanremo, anche per via di amicizia con personalità della cultura come il jazzista Dodo Goya e il poeta Giuseppe Conte.

Oltre ad ospitare artisti che proporranno sia brani revival che nuove produzioni, questa edizione vorrebbe segnare l’apertura verso un orizzonte particolarmente vivace che è quello della danza swing: verrà ospitata infatti in una delle serate un gruppo di ballerini di “Lindy Hop”.