E’ iniziata con i saluti istituzionali da parte del Sindaco di Sanremo Alberto Biancheri la conferenza stampa dell’Organizzazione Rai stamattina all’Ariston. Biancheri ha sottolineato l’abbraccio della Città dei Fiori all’evento nazional-popolare per antonomasia, snocciolando le tante manifestazioni collaterali offerte ad abitanti e turisti, nonché il contributo dei commercianti all’atmosfera di festa, sia addobbando le vetrine a tema sia accogliendo le postazioni radio con le loro dirette quotidiane. Il Sindaco ha confermato, inoltre, che si sta lavorando per realizzare un Palafestival del valore di 50/60 milioni di euro in un arco di tempo di 5/6 anni, perché il Teatro attuale si sta rivelando una struttura piccola di fronte alla crescita della manifestazione canora.

Giovanni Toti, Presidente della Regione Liguria, ha confessato la sua emozione nell’essere presente “in una sala stampa, che vale quanto il palco di Sanremo. Per il terzo anno consecutivo verrà consegnato il premio della Regione Liguria alle Nuove Proposte, creato dalle nostre eccellenze artigiane con alcuni simboli del territorio: una barca e il gambero rosso. Il riconoscimento è beneaugurante, visto che tre anni fa lo assegnammo a Francesco Gabbani”. Toti ha, poi, ricordato la presenza dello stand della Regione al Festival, il progetto legato alla promozione della canzone d’autore e la fiction sul grande De André, che andrà in onda su Rai Uno la settimana prossima, anticipata da un’anteprima cinematografica, che è andata sold out sia a Sanremo che nel capoluogo ligure.

Il Direttore di Rai Uno Angelo Teodoli ha esultato annunciando che la serata di ieri è stata la più vista del millennio, era dal 1999 che non si totalizzavano certi ascolti. Si è registrato il successo della kermesse pure sui social network, in particolare dell’hashtag #Sanremo2018. I picchi della puntata si sono avuti durante la divertente ospitata dell’imitatrice Virginia Raffaele (esilarante Claudio Baglioni nei panni di Belén) e al momento dell’omaggio al cantautore Rino Gaetano, che nel 1978 si classificò 3° al Festival con “Gianna”, con una performance rivoluzionaria e pronunciando per la prima volta sul palco dell’Ariston la parola sesso. Il merito del trionfo va ascritto al mix di tre professionalità consolidate, ognuna in un campo specifico, ma spaziando anche in quello dei colleghi. Stiamo parlando ovviamente del dittatore artistico Baglioni, della spigliata showgirl Hunziker e del versatile attore Favino.

Il Vicedirettore di Rai Uno Claudio Fasulo ha fatto notare che la scelta di far esibire le Nuove Proposte all’inizio della serata ha dato loro una visibilità senza precedenti e proprio questa sera se ne decreterà il vincitore, comunicando soltanto il loro podio: una decisione rispettosa. Il primo a cantare sarà Leonardo Monteiro con “Bianca”, proveniente da Area Sanremo, a dimostrazione che il laboratorio artistico della Città dei Fiori funziona e produce qualità. Si tratta, infatti, dell’unico concorso-accademia che apre le porte del Festival della Canzone Italiana a due vincitori e nel 2017 è stato affidato per il terzo anno consecutivo all’Orchestra Sinfonica di Sanremo, una fra le più rilevanti istituzioni culturali matuziane.