Dopo le soddisfazioni del 2016, coronate dai due nomi in gara al Festival 2017 – Valeria Farinacci e Marianne Mirage – Area Sanremo si appresta a inaugurare un progetto 2017 all’insegna della musica emergente e della formazione. “Siamo convinti che i giovani rappresentino il futuro della musica italiana e il nostro progetto va loro incontro – ha spiegato Maurizio Caridi, presidente della Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo che fa parte del grande progetto Area Sanremo – la nostra idea per il 2017 partirà da Sanremo e arriverà in tutte le piazze del paese, da marzo saremo in giro per l’Italia a incontrare i ragazzi”. Tra le novità, anche una riduzione della quota di iscrizione al concorso di Area Sanremo e selezioni regionali con stage. “Siamo orgogliosi dei nostri ragazzi – ha aggiunto Caridi – tra gli 8 selezionati due hanno raggiunto l’Ariston, e gli altri sono stati coinvolti sui palchi della città nelle tante manifestazioni collaterali che stiamo organizzando, animando la città e attirando tanto pubblico sempre all’insegna della qualità del lavoro”. Si tratta del progetto Sanremo Città della Musica, organizzato in sinergia tra tante realtà cittadine tra cui l’Amministrazione, Area Sanremo e la Fondazione Orchestra Sinfonica.

Soddisfatti del tour dello scorso anno, gli organizzatori di Area Sanremo sono pronti a ripartire con corsi di formazione e incontri centrati sulla crescita professionali: “avremo 50 docenti tra i migliori professionisti del settore – promette per quest’anno Stefano Senardi, che di Area Sanremo è direttore artistico – organizzeremo date per la formazione e andremo in giro a parlare ai ragazzi, la nostra missione è infatti la didattica. Per questo dall’11 al 14 maggio selezioneremo una 20ina tra i professionisti del settore – giornalisti, critici, musicisti… – che verranno qui a Sanremo a insegnare ai ragazzi come si sta su un palco, come si canta, come si affronta un contratto. Questi corsi saranno gratuiti e si inseriscono nel calendario di manifestazioni per far diventare Sanremo la città della musica”.

Area Sanremo sarà seguita anche nel 2017 da Radio Italia, nella veste del suo presidente Mario Volanti, che punta sulla sfida vedendola come un’opportunità per cogliere il frutto della nuova musica italiana emergente.

Positivo anche il parere dell’amministrazione sanremese: “la città vuole continuare nel segno della qualità – ha dichiarato l’assessore Daniela Cassini – per questo incoraggia l’esperienza di Area Sanremo e vuole investire sui giovani, coinvolgerli e fare di Sanremo un punto di riferimento per la creatività in una grande prospettiva per il futuro che la veda diventare un laboratorio sperimentato in tutte le regioni”. L’assessore ha sottolineato la presenza di un positivo clima musicale in una città che, oltre all’evento principale costituito dal Festival ospita nel proprio calendario annuale numerose iniziative a carattere musicale, festival minori dedicati al jazz, al rock, allo swing e gestiti in collaborazione con tante realtà votate alla musica. “L’impegno dell’amministrazione – ha ribadito la Cassini – sarà quello di consolidare la naturale vocazione alla musica della città, puntiamo molto al rinnovo della convenzione con la Rai proprio perché ci possa essere sempre più spazio dedicato alla musica giovane, anche e soprattutto con Area Sanremo”.