Quello della loro canzone Adesso è attualmente il video con la percentuale più alta di gradimento su youtube. Diodato e Roy Paci sono al Festival di Sanremo 2018 contenti di un’esperienza che li ha visti protagonisti durante la serata di venerdì di un duetto con il rapper Ghemon. «Ho scritto questa canzone qualche mese fa e ho subito pensato ci sarebbe stato bene un arrangiamento di fiati – racconta Antonio Diodato – ho chiamato Roy, gli ho fatto ascoltare il brano e lui mi ha detto “è un gran bel pezzo, fratello”».

Il live dei due prevede in scena, oltre alla tromba di Roy Paci, anche un basso tuba, dei bombardini e dei tamburi. «Ho iniziato a immergermi nel mondo sonoro di Antonio, non è così facile – spiega Roy Paci – potevo interfacciarmi con questo brano in tanti modi, fare un assolo, pensare a un duetto, invece mi sono piegato all’interno del concepimento di quest’opera di ingegno, immerso in un mondo sonoro che era diverso dall’approccio consueto. Sono andato a scavare anche nel nostro passato, nel riecheggiare di certe timbriche medio-gravi che appartenevano a certe bande del nostro sud. Dentro c’è il mio passato, noi ce lo abbiamo dentro, avevamo bisogno di queste timbriche scure, vellutate, come le chiamo io».

Un brano che, come confermano gli autori, ha un sapore di colonna sonora, con un arrangiamento maestoso, e il cui testo ha un messaggio forte e chiaro, parente stretto del carpe diem: «non è una canzone contro la tecnologia e i cellulari – dice il suo autore – forse c’è una considerazione sull’uso malato che ne facciamo, ma non è un giudizio sulla società, parte piuttosto da una considerazione personale, quella frase lì è venuta fuori vivendola. Ormai quando attiviamo il cellulare arriva un mondo di informazioni e ti dimentichi anche perché l’hai attivato. Era sera, ero arrivato a casa e dopo un momento del genere ho sollevato la testa con un senso di pesantezza, ho alzato gli occhi e in cielo c’era questa luna tra i palazzi: la frase è venuta da sé, tutte le considerazioni di quel periodo sono confluite dentro, ho preso la chitarra, mi sono messo sul divano e il brano è nato così, di getto».

Insieme sul palco dell’Ariston, i due artisti proseguiranno ora con la propria carriera: non ci sono altri progetti comuni all’orizzonte, ma resta salda la stima reciproca che fa di questo duetto uno dei favoriti per il podio del toto Sanremo 2018.