L’appuntamento con il Sanremo Street Food & Wine Fest tornerà a Portosole da martedì 6 a domenica 11 febbraio 2018. In concomitanza con il 68° Festival della Canzone Italiana si terrà, quindi, il festival del cibo da strada, dal salato al dolce all’insegna dell’eccellenza enogastronomica. Accanto alle specialità delle nostre regioni e ai piatti tipici più conosciuti e apprezzati, non mancherà una strizzata d’occhio a colori e sapori di altri Stati. Protagonisti saranno, in aggiunta, le birre artigianali e i vini di qualità.

La manifestazione è stata riconfermata considerato il successo delle edizioni precedenti, svoltesi nella medesima location dal 2016 sia d’inverno che d’estate. L’evento è organizzato dal marchio leader del settore Italia on the Road – Cibo da Strada e Portosole Club Nautico Internazionale Sanremo, in collaborazione con Via Audio. L’apertura è prevista per il 6 febbraio alle 17. L’ingresso sarà libero e l’orario andrà ogni giorno dalle 11 del mattino all’una di notte. Il miglior cibo on the road verrà accompagnato da intrattenimenti musicali e attrazioni per gli adulti e per i più piccoli: il calendario è ancora un work in progress.

Il Sanremo Street Food & Wine Fest offrirà una vasta scelta di alimenti con oltre venti food truck e stand e si allestiranno degli spazi coperti con zone riscaldate, dove rifugiarsi in caso di maltempo. Ecco i primi operatori, che hanno aderito all’iniziativa: le birre artigianali, tra cui i brand mondiali Konrad dalla Repubblica Ceca e Mythos dalla Grecia; il Birrificio Nadir, che giocherà in casa poiché è nato nella Città dei Fiori dalla passione e dalla ricerca del mastro birraio Gabriele Genduso; Brambù, un mix veneto-piemontese, che proporrà pane al radicchio trevigiano farcito con la famosa salsiccia di Bra; Calabriotto con l’hamburger alla calabrese; Domus Carciò con il meglio della tradizione romana (il nome deriva dal carciofo alla giudia, caratteristico della cucina giudaico-romanesca); Focacceria Umbra, che non ha bisogno di presentazioni; Gnoc e Lambrosc, dove gnoc sta per gnocco fritto all’emiliana; il furgone rustico di Gusto Parma; Las Bravas con la rivisitazione di alcune ricette spagnole in formato tapas e pintxos; le bombette pugliesi della braceria mobile Moto Grill Guzzi; il ristorante greco Pita Gyros; PizzaCountry Catering Albano: non solo pizza, bensì il focacciotto cotto nel forno a legna e la pizza fritta; i Toscanacci on the road, venditori di lampredotto alla fiorentina e ribollita; e una selezione di decine di etichette di vino, dai microproduttori locali ai grandi marchi internazionali.

Per l’intera settimana festivaliera Sanremo sarà la Città dei Fiori, della musica e del cibo su tre ruote, che rappresenterà un’occasionale e originale alternativa al ristorante. In fondo, da sempre buon cibo e sano divertimento vanno a braccetto e costituiscono un richiamo al piacere dei sensi più nobili e alla convivialità. Ed entrambi sono in continua evoluzione con il mutare dei gusti, attraverso la sperimentazione e la mescolanza di culture differenti. Cos’altro dire? Amanti dello street food di tutti i Paesi, unitevi!