SOCIETA’ IPPICA SANREMO

Strada Solaro 127 – 18038 Sanremo (IM)

tel. +39 0184660770

Il Campo Ippico di Sanremo è dedicato all‘equitazione sportiva e ricreativa. La Società Ippica di Sanremo, è la più antica e prestigiosa istituzione sportiva della città ed uno dei simboli dello sport nella Riviera dei Fiori.

Nel 1927 l’ingegnere Pietro Agosti primo podestà di Sanremo ottenne dal Governo la licenza definitiva per il gioco d’azzardo del Casino di Sanremo e stabilì con il direttivo del Casinò che una parte dei proventi sarebbe stato utilizzato per la realizzazione di opere di interesse pubblico l’ ingegner Agosti sfruttò quel denaro per la costruzione di un campo sportivo dedicato all’equitazione di circa 36.000 metri quadrati di superficie situato in regione Solaro.

Al concorso organizzato in occasione dell’inaugurazione del campo, avvenuta il 1° febbraio 1930, erano presenti numerose personalità di rilievo fra i quali cavalieri illustri, personaggi dell’alta società ligure, i rappresentanti di sei nazioni e persino il Re Vittorio Emanuele III in qualità di padrino della manifestazione. Nel 1933, venne terminata la realizzazione del Campo Ippico.

Come avvenne in tutta la Riviera dei Fiori, anche il Campo Ippico uscì profondamente danneggiato dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e dopo la fine del conflitto le strutture vennero utilizzate come campo profughi per gli sfollati che fuggivano dalle zone distrutte dalla guerra.

Anni dopo il Comune si prese l’incarico di ristrutturare l’intero complesso sebbene nel 1980 abbia deciso di privare il Club dei locali della pista coperta al fine di adibirli ad una palestra di boxe e di arti marziali.

A dirigere e mantenere alto l’onore della Società Ippica Sanremo ci hanno pensato negli anni i due storici presidenti del Club, il professor Cavalli dal 1962 al 1987 e l’avvocato Vanni Zunino dal 1987 al 2003. Ma il prestigio che risiede nel Club deriva anche dalle personalità di rilievo internazionale che qua hanno gareggiato: il Maresciallo Veronesi, i colonnelli Raimondo e Piero D’Inzeo, i celeberrimi fratelli invincibili dell’equitazione italiana, vincitori di diverse medaglie alle olimpiadi e ai campionati mondiali, e Graziano Mancinelli, ai tempi chiamato Il Cavaliere per antonomasia, campionissimo italiano degli anni ’60 e ’70.