Un laboratorio di danza e teatro all'ex deposito franco di Imperia

Sabato 16 settembre l'iniziativa che precede lo spettacolo "C'era una volta il deposito franco" nell'ambito del Progetto Switch


È in programma per il prossimo 15 ottobre negli spazi della Ex S.A.L.S.O. di Imperia lo spettacolo di danza e teatro “C’era una volta il eposito franco - Storie di approdi temporanei ed eterne partenze”. L’iniziativa fa infatti  parte degli eventi artistico-educativi frutto del Progetto Switch per il riuso temporaneo degli spazi oggi vuoti e abbandonati dell’ex deposito franco di Porto Maurizio, e sarà preceduta sabato 16 settembre da uno speciale laboratorio di danza e voce che si svolgerà dalle 9.30 alle 11.30 con ingresso libero e gratuito. La mattinata è aperta a tutti, il pubblico potrà sia assistere che intervenire in prima persona a quella che sarà una prova dello spettacolo del prossimo 15 ottobre, sperimentando diverse discipline, dalla danza, al teatro, in una sorta di laboratorio libero.

“C’era una volta il deposito franco”, spettacolo scritto da Nicoletta Bracco, rianima gli spazi della Ex S.A.L.S.O. inserendovi una storia fatta di personaggi del passato in una prospettiva di apertura al nuovo che si scrive nel luogo, facendo dei suoi stessi oggetti superstiti elementi scenici. La danza esce dalla cornice del teatro e approda in uno spazio fatto di merci, allora, e di nuove progettualità, oggi, che non possono prescindere dalle suggestioni del luogo. Protagoniste dello spettacolo saranno Morena Di Vico, ballerina, e Agata Nerelli, attrice, ideatrici del progetto laboratoriale di settembre. La partecipazione è libera, l’unico obbligo, se interessati, è quello di iscrizione al numero 3275816695.

Entrambi gli eventi, il laboratorio del 16 settembre e lo spettacolo del 15 ottobre, sono organizzati dall’Associazione Aquilone di Camporosso nell’ambito di Switch, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti della Provincia di Imperia, il Comune di Imperia, WeAre For Beat, la Scuola di danza Let’s Dance di Ventimiglia, il Teatro Impertinente.

Autore: redazione