Un'immersione nel blu con InforMare al Museo Navale di Imperia

Giovedì 24 agosto una serata speciale con video e foto delle meraviglie sommerse del Ponente ligure


Il tour estivo di InforMare approda per il secondo anno a Imperia giovedì 24 agosto per un viaggio speciale tra le meraviglie sottomarine della città. L’associazione, che promuove immersioni alla scoperta dei fondali di Ponente e attività di divulgazione scientifica per diffondere tra grandi e piccoli conoscenze sull’ecosistema marino ed educazione ambientale, sarà presente all’Auditorium del Museo Navale alle 21.30 per una serata tra foto e video dei fondali della città.

Una location che ben si sposa all'attività dell'associazione, dal momento che al mare e a tutte le sue sfumature è dedicata la struttura museale che, dopo aver lasciato la storica sede in Piazza del Duomo, ha trovato la sua ideale collocazione nei locali ristrutturati di via Scarincio, a ridosso del bacino portuale di Porto Maurizio, a ribadire il legame con l’elemento marino. Grandi navigatori, barche a vela, mitologie della marineria, ma non solo: l’esplorazione al Museo inizia proprio dal fondo del mare, tra relitti archeologici di epoca romana, sommozzatori, fondali e cetacei.

È proprio alla flora e alla fauna dell’ambiente sottomarino che InforMare guarderà con attenzione durante la serata imperiese. Parte di un lungo e ricco calendario che ha portato per tutta la provincia le meraviglie del mare e l’educazione al suo rispetto, l’evento si inserisce nel più ampio progetto di sensibilizzazione dell’associazione che alle immersioni e riprese video dei fondali del Ponente affianca da sempre momenti di incontro con il pubblico, attraverso i quali introdurre alla complessità dell’ambiente marino. Non c’è solo il biosnorkeling, grazie al quale osservare dalla superficie del mare quel che c’è sotto il pelo dell’acqua, con maschera, boccaglio e pinne: alle uscite in mare sono affiancati incontri per raccontare il mare, con storie che affascinano e incuriosiscono, portando nuove competenze e svelando segreti. Parte integrante del progetto è la campagna “Secchiello stop”, condotta da anni per la tutela degli animali marini da parte dei più piccoli, che spesso raccolgono nel secchiello patelle, ricci ed esseri viventi trovati sugli scogli. La campagna vuole essere un invito a smettere di usare secchiello e retino per cacciare animaletti marini che, una volta tuffati in poca acqua, subito molto calda e priva di sufficiente ossigeno, sono destinati a morire. InforMare spinge invece all’osservazione: conoscere gli abitanti del mare è il metodo più efficace per evitare di uccidere involontariamente, e per gioco, degli esseri viventi complessi che contribuiscono ad arricchire la biodiversità del nostro mare e a farne così un prezioso scrigno di vita e un'impareggiabile risorsa naturalistica.

Dopo la serata al Museo Navale di Imperia non si esauriranno gli appuntamenti di InforMare con il mare, per restare aggiornati è sufficiente consultare la pagina Facebook dell’associazione.

Autore: redazione