Mostra imperdibile al Centre d’Art La Malmaison di Cannes. Fino al 30 ottobre si potrà visitare "Salvador Dalì ou l’ivresse des reves", circa 200 opere del grande artista spagnolo della Collezione Jean Ferrero e della Fondazione Salvador Dalì. La mostra fa parte di una serie di iniziative consacrate all’arte spagnola, che coinvolgeranno tutta la città (Villa Domergue, Espace Miramar, Palais des Festivals) con sculture, pitture, ceramiche e fotografie (ad esempio di con opere di Cristobal Gabarron fino a settembre). 
Salvador Domènec Felip Jacint Dalí i Domènech, marchese di Púbol (Figueres, 11 maggio 1904-Figueres, 23 gennaio 1989), è stato un pittore, scultore, scrittore, fotografo, cineasta, designer e sceneggiatore spagnolo. Dalí fu pittore abile e virtuosissimo disegnatore, ma celebre anche per le immagini suggestive e bizzarre delle sue opere surrealiste. Il suo peculiare tocco pittorico fu attribuito all’influenza che ebbero su di lui i maestri del Rinascimento.

Realizzò "La persistenza della memoria", una delle sue opere più famose, nel 1931. Il talento artistico di Dalí trovò espressione in svariati ambiti, tra cui il cinema, la scultura e la fotografia, portandolo a collaborare con artisti di ogni settore. Faceva risalire il suo "amore per tutto ciò che è dorato ed eccessivo, la mia passione per il lusso e la mia predilezione per gli abiti orientali" ad una auto-attribuita "discendenza araba", sostenendo che i suoi antenati discendevano dai Mori. Dalí, dotato di una grande immaginazione e con il vezzo di assumere atteggiamenti stravaganti, irritò coloro che hanno amato la sua arte e infastidì i suoi detrattori, in quanto i suoi modi eccentrici hanno in alcuni casi catturato l’attenzione più delle sue opere. Nel suo lavoro Dalí si è ampiamente servito del simbolismo.

Orari: da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 giugno e ottobre, tutti i giorni dalle 11 alle 20 luglio e agosto (il venerdì fino alle 21), tutti i giorni dalle 11 alle 19 a settembre. Ingresso 6 euro. Informazioni e prenotazioni al sito www.cannes.com.