La Rassegna della Canzone d’Autore del Club Tenco, dal punto di vista qualitativo è sicuramente l’evento più importante della città di Sanremo, universalmente più nota a livello internazionale per il Festival della Canzone Italiana.  Dobbiamo ad Amilcare Rambaldi, nel 1974, l’intuizione di creare una nuova manifestazione intitolata al grande cantautore. Al Tenco sono passati i grandi della canzone d’autore italiana e mondiale, da Fabrizio De André a Paolo Conte, da Ivano Fossati a Francesco De Gregori, Francesco Guccini, Tom Waits, Nick Cave, Elvis Costello, Randy Newman, Gilberto Gil, Caetano Veloso e tutto quanto di meglio il settore ha saputo offrire in questi quarant’anni.

Una storia gloriosa che quest’anno, dal 20 al 22 ottobre, al Teatro Ariston, festeggerà la 40esima edizione. Il direttivo, al lavoro per mettere insieme il cast, ha già comunicato i Premi Tenco 2016 (le Targhe invece verranno assegnate da una giuria di oltre 200 giornalisti). Saranno Stan Ridgway, Otello Profazio e Sergio Staino. Sul palco dell’Ariston nelle prime due serate Bombino, Motta, la Nuova compagnia di canto popolare, e ancora Pino Pavone, Otello Profazio, James Senese & Napoli Centrale, Ivan Talarico, Peppe Voltarelli, che lasceranno il posto il 21 ottobre a Enzo Avitabile & Amal Murkus, Clauda Crabuzza, Niccolò Fabi, Lula Pena, Stan Rigdway, Gianluca Secco. Serate speciale in memoria di Luici Tenco sabato 22, con una grande riunione di grandi nomi all’Ariston: Ascanio Celestini, Kento, Bocephus King, Diego Mancino, Morgan, Noemi, Roy Paci, Marina Rei, Gli Scontati, Alfina Scorza, Vanessa Tagliabue Yorke con la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta da Mauro Ottolini, che curerà anche gli arrangiamenti.

"E’ il quarantennale della rassegna – spiega il direttore artistico Enrico De Angelis –  e nel prossimo gennaio saranno cinquant’anni dalla morte di Tenco, le cui canzoni saranno interpretate a loro modo da numerosi cantanti, interpretazioni inedite, studiate apposta per noi. L’originalità sta nel fatto che saranno solo artisti nati dopo quel fatidico 27 gennaio 1967 per testimoniare come le generazioni che sono venute dopo abbiano recepito l’eredità di Tenco. Confidiamo che questo evento diventi anche un programma televisivo, che la Rai dovrebbe programmare proprio per il mese dell’anniversario. Oltre ai tre Premi Tenco, il cast sarà completato da altri due artisti stranieri di levatura internazionale: come Bombino, tuareg costretto all’esilio in Algeria e Burkina Faso". Non mancherà la mitica "Infermeria" di Lucien Barbieri, dove i cantautori e gli addetti ai lavori si potranno "curare" con il Rossese di Dolceacqua. Anche questo è il Tenco. Da 40 anni!

Per informazioni e biglietti: www.clubtenco.it