Giovedì 23 marzo torna l’appuntamento teatrale con “Claque”, la rassegna 2017 dello Spazio Vuoto di Imperia. Alle 21.15 andrà in scena “Piccola società disoccupata”, spettacolo con Ture Magro, Barbare Mazzi, Beppe Rosso, un allestimento incentrato sul conflitto generazionale e sul disagio che intercorre tra giovani e meno giovani nell’affrontare l’attuale trasformazione nel rapporto uomo-lavoro.

Sulla scorta della suggestione di André Gorzt, “Un intero periodo storico sta per tramontare: quello in cui il lavoro umano era alla fonte di ogni ricchezza. In gestazione da anni la terza rivoluzione industriale è cominciata”, i tre attori, di diverse generazioni, formano in scena una “piccola società disoccupata” interpretando vari ruoli in un gioco cinico ed esilarante. I personaggi si dibattono in una lotta senza esclusione di colpi per conservare o trovare lavoro, tutti contro tutti, senza escludere slanci d’amore, ingenuità e momenti di grande illusione. A emergere è la fragilità individuale che di volta in volta si trasforma in astuzia o in follia solitaria, in una commedia contemporanea dove ogni scena apparentemente reale attraverso lo humour e il paradosso viene portata a estreme conseguenze tragicomiche. Dove porterà questa nuova rivoluzione, condurrà alla società della disoccupazione o a quella del tempo libero?