Haydn, Mozart, Gherardeschi, Zipoli e molti altri, questi sono i nomi dei compositori, che ieri sera il M.stro Perdigon ha proposto all’organo del 1851 della Parrocchia di Torri. La piccola chiesa del paese era davvero gremita di tantissime persone, molti giovani, non solo italiani, ma anche e soprattutto francesi e tedeschi. Nel repertorio proposto, di particolare bellezza, tant’è vero che hanno riscosso grande successo tra il pubblico, i brani di Luigi Gherardeschi “Overtura per organo”, di Haydn “Cinque brevi pezzi per orologio musicale”, di Mozart “Andante in fa maggiore” e di Kuhnau la “Sonata biblica 1”, che, attraverso parole e note musicali, narrava la vicenda biblica di “Davide e Golia”.

Il Festival Internazionale di Organi Storici della Valle Bevera e Roya quest’anno, come molte altre iniziative, soffre la crisi economica. In territorio italiano, infatti, solo grazie all’opera volontaria e ai pochi fondi economici, Torri e Airole saranno palcoscenico di quest’importante iniziativa. Questo Festival, iniziato nel 2002, quest’anno compie 10 anni, durante i quali, grazie ai fondi raccolti, sono stati restaurati moltissimi organi italiani antichi, come quello della Cappella dei Penitenti Neri di Tenda, che, il prossimo anno, sarà uno dei protagonisti più importanti della tournée estiva di questo importante festival.

Appuntamento per martedì 7 agosto alle ore 21,00 a Fontan presso la Chiesa di Nostra Signora della Visitazione, dove il M.stro François Houtard proporrà brani per “Héritage musical de la Contre-Réforme”, all’organo, di anonima costruzione, del 1739.