Aveva destato non poche preoccupazioni, a causa soprattutto della difficoltà di reperirli presso le farmacie d’Oltralpe, la legge che obbligava il possesso dell’alcooltest a bordo di macchine e moto, una volta varcato il Confine di Stato. Il decreto 2012-284 del 29/10/2012 relativo a “la possession obligatoire d’un éthylotest par le conducteur d’un véhicule terrestre à moteur” modificando l’art. R234-7 del Codice della Strada (Code de la route), introduce che “l’autista di un veicolo terrestre a motore, ad esclusione del ciclomotore, deve comprovare il possesso di un étylotest, non utilizzato, immediatamente disponibile”. Al secondo allinea (comma), inoltre aggiunge: “l’étylotest menzionato al precedente allinea, rispetta le condizioni di validità, segnatamente la data di perenzione, prevista dal soggetto che l’abbia fabbricato. è munito di simbolo di certificazione o di un marchio del soggetto fabbricante, che dichiari la conformità ad un modello che gode di una attestazione di conformità alle norme, di cui le caratteristiche sono pubblicate sul Journal Officiel (gazzetta ufficiale) della Repubblica Francese”.

Il decreto 2012-284 prevedeva inoltre che il controllo da parte degli organi di polizia e le eventuali sanzioni amministrative, derivanti dal mancato possesso dell’alcooltest, producessero effetti dal 1 novembre 2012. Dal momento in cui questo decreto è stato emanato sino ad oggi, le farmacie della vicina Menton sono state prese d’assalto alla ricerca dell’etilometro da tenere in macchina. Gli esiti, nella maggior parte dei casi, sono stati tutti negativi, poiché reperire tali oggetti era davvero difficile a causa dell’alta richiesta da parte, in primis, degli stessi cittadini francesi, al fine di adeguarsi a quanto, tale legge prescrivesse.

Nel mese di Ottobre è intervenuto il Ministro dell’Interno francese, Manuel Valls, il quale, in una nota diffusa su internet (www.securiteroutiere.gouv.fr), dichiara che: Compte tenu des difficultés d’approvisionnement recensées dans certaines régions, le ministre de l’Intérieur a décidé de reporter cette date : le contrôle de l’obligation de détention d’un éthylotest et, le cas échéant, la sanction pour défaut de présentation, n’entreront en vigueur qu’à partir du vendredi 1er mars 2013. L’objectif de ce report est de permettre à l’ensemble des conducteurs de s’équiper dans de bonnes conditions et à un juste prix.” Sembra, da una prima disamina del decreto 2012-1197, che modifica quello del 28 febbraio 2012, che proprio la difficoltà a reperire gli alcooltest, sia stata il motivo per cui il Ministro dell’Interno abbia deciso di procrastinare la data, entro la quale, tutti i conduttori di autoveicoli debbono adeguarsi alle nuove disposizioni legislative. E’ da sottolineare anche la manifesta volontà da parte del Governo Francese di svolgere una lotta coerente e molto seria al fenomeno de “l’alcool au volant”.

In Francia l’alcool è la prima causa di incidenti sulle strade, è presente quasi nel 30.8% dei sinistri mortali e ogni giorno più di tre persone – fanno sapere dal Comitato Interministeriale per la Sicurezza Stradale – perdono la vita negli incidenti stradali a causa di qualche bicchiere di troppo.

Adeguarsi a questa disposizione normativa non è tanto importante al fine di non incorrere in una multa di 11€, ma perché è bene ricordarsi che quando ci si trova alla guida, prima di tutto, è necessario controllare noi stessi, al fine di evitare gravi episodi, che in taluni casi portano anche alla perdita della vita.