Sabato 4 agosto alle 18 si svolgerà presso la Libreria Ragazzi di Imperia (Via Vieusseux 14, 1^ piano) l’inaugurazione della mostra TAPE WORK di Mattia Maio. La presentazione sarà a cura della professoressa Samanta Ammirati.
Le opere del giovane artista imperiese esposte adottano una tecnica innovativa che annovera al mondo solo altri due esponenti Mark khaisman (Ukraino ) e da Max Zorn (olandese). La Tape Art nasce infatti da materiali poveri e ha una tecnica semplice che però raggiunge effetti visivi straordinari: le opere sono realizzate con scotch da pacchi marrone semi-trasparente su un supporto in plexiglass.

Il lavoro artistico consiste nel modellare lo scotch, con bisturi e taglierino, aggiungendo o sottraendo strati a seconda del gioco di luci che si vuole dare. Ogni strato corrisponde a un colore, quindi più strati corrispondono a un colore scuro, pochi a un colore chiaro. I soggetti sono vari, molti presi "dalla strada" e ispirati ai lavori del fotografo inglese, Lee Jeffries, altri ricavati da foto di amici perché questa tecnica si presta per creare ritratti di grande suggestione.
Mattia Maio, 23enne, attualmente è studente presso l’Accademia delle Belle Arti di Torino e ha all’attivo quattro esposizioni, svoltesi al Leon Cavallo a Milano, a Torino e ad Imperia. . Diplomato al Liceo Teatro Nuovo Torino, nel 2010 si iscrive all’Accademia delle Belle Arti di Torino nel 2010 dove inizia a lavorare sulle lastre di zinco, senza però attirare l’attenzione dei professori. Il secondo anno segna la svolta: Mattia scopre la tecnica con lo scotch, la sottopone al professore, sulle prime scettico, ma disposto a sostenere lo studente in un lavoro che, ora, si rivela in tutta la sua spettacolarità e creatività.

La mostra sarà visibile presso la Libreria Ragazzi dal 4 al 17 agosto dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 21.00.