Dopo il successo delle presentazioni librarie di  Gianfelice FACCHETTI (PREMIO Bancarella Sport con il suo “Se no che gente saremmo”) e Marco BUTICCHI (secondo classificato al Premio Bancarella con “La voce del destino”), grande attesa per mercoledì 1 agosto. Alle ore 21.00 nella splendida cornice dei Giardini Hanbury, nell’accogliente spazio della Villa, nuova tappa del piccolo tour di presentazioni, dedicate all’ultimo libro di  Roberto NEGRO. La nuova indagine per il Commissario Scichilone ha un titolo assolutamente intrigante: “Oltre la giustizia”, come sempre per Frilli Editori. L’ultima fatica letteraria dell’ex Ispettore di polizia (prima a Ventimiglia, poi a Sanremo) sarà accompagnata, come di consueto, da buona musica e da ospiti di eccezione.

L’incontro sarà ancora una volta curato e condotto da Diego Marangon e vedrà come ospite, accanto all’autore, la Dott.ssa Anna Canepa, Magistrato della Direzione Nazionale Antimafia (che ha anche firmato la prefazione al libro) conosciutissima e molto legata a Ventimiglia, perché qui ha vissuto per molti anni e studiato prima dell’università. Molto attesi anche gli interventi musicali della MOSCABIANCABand, sempre ospite fissa da qualche anno delle presentazioni di Roberto Negro, che presenteranno originali rivisitazioni jazz e blues dedicate a Vinicio Capossela e Paolo Conte.

Da ormai qualche anno Responsabile della sicurezza presso il Casinò di Sanremo, Negro non ha perso l’ispirazione e la voglia di indagare, letterariamente parlando, nel mondo delinquenziale della nostra zona, anzi avventurandosi, in questa occasione, nell’analisi degli aspetti psicologici e più nascosti che accompagnano i protagonisti degli episodi di cronaca nera e giudiziaria.

Il Commissario Scichilone, questa volta quasi coprotagonista della vicenda, si troverà coinvolto e risucchiato in una indagine di efferata violenza familiare, dove la vendetta e il senso di giustizia si mescoleranno e contamineranno in un cocktail dai risvolti amari. Tutti i personaggi dell’indagine dovranno fare i conti con la realtà dei fatti ma, anche e soprattutto, con l’aspetto umano ed emotivo della vicenda. Ancora una volta Negro offre lo spunto per incuriosire il lettore, regalando una storia dagli intrecci inesplorati, nascosti e inattesi, senza dimenticare gli “ingredienti” tipici dei suoi libri, legati all’ambientazione nei luoghi della nostra Riviera di Ponente.

Con «Oltre la giustizia» le indagini letterarie del Commissario Scichilone, siciliano di origine, ma ormai ligure ponentino di adozione, raggiungono il ragguardevole numero di otto, a conferma del successo, del gradimento dei lettori e dell’apprezzamento per l’autore, astigiano di nascita, ma ormai anche lui sempre più ligure di adozione.