67° Rallye Sanremo, a Sanremo si scaldano i motori

Eventi, Speciale

Torna nella sua storica collocazione autunnale, nel mese di ottobre, com’era stato fino al 2013, il mitico Rallye di Sanremo, giunto alla 67esima edizione. Le ultime sei edizioni si erano…

Torna nella sua storica collocazione autunnale, nel mese di ottobre, com’era stato fino al 2013, il mitico Rallye di Sanremo, giunto alla 67esima edizione. Le ultime sei edizioni si erano svolte tutte nel mese di aprile, ma l’emergenza Covid, oltre a imporre che la gara si disputasse in una sola giornata, ha comportato lo slittamento di sei mesi e l’accorpamento con il Sanremo Rally Storico.

“Nonostante le restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria, l’edizione 2020 del Rallye Sanremo sarà un evento elettrizzante – assicura il presidente Aci Sergio Maiga, che guida il comitato organizzatore della gara ligure – Per evitare assembramenti abbiamo scelto prove speciali nelle zone più alte delle Alpi Marittime, alle spalle di Sanremo, andando a ripescare tratti che negli anni hanno fatto la storia della gara”. È una delle tante novità del Rallye di Sanremo 2020.

Si parte venerdì 2 ottobre per le verifiche sportive mattutine, cui farà seguito nel pomeriggio lo Shakedown. La parte agonistica si svolgerà in un’unica giornata, sabato 3 ottobre, con partenza alle 7:10 del mattino di sabato 3 ottobre, quando le vetture usciranno dal parco assistenza (a ridosso della vecchia stazione di Sanremo) per dirigersi sul classico trittico di prove di Passo Teglia, Langan e Vignai, prima di tornare a Sanremo per il riordino e l’assistenza che terranno fermi gli equipaggi in riva al mare per quasi due ore.

Nel primo pomeriggio nuovo giro sulle tre prove, ancora un riordino e parco assistenza a partire dalle 15.50 per chiudere in serata con il terzo e ultimo passaggio su Passo Teglia, Langan e Vignai, prima di tornare nell’area della Vecchia Stazione per la conclusione della gara.

Il 67° Rallye Sanremo si sviluppa su 340,62 chilometri di percorso, 102,03 di tratti cronometrati suddivisi in tre prove speciali da ripetere tre volte. La gara è valida come terza prova del Campionato Italiano Rally per il Campionato Italiano Rally Junior, la Coppa Italia Rally Zona 2, il Renault Clio Trophy Italia, la Suzuki Rally Cup, la Peugeot 208 Rally Cup Top e come terzo appuntamento del Campionato Rally Liguria-Primo Canale.

Il 35° Sanremo Rally Storico seguirà la gara valevole per il Campionato Italiano Rally, come ormai accade dall’edizione del 2014, partendo dal parco assistenza di Lungomare delle Nazioni alle 9:56 per effettuare un doppio passaggio su Passo Teglia-Langan e Vignai, inframmezzato da un riordino parco assistenza a Sanremo a partire dalle ore 13.33 e chiudere la gara negli spazi della Vecchia Stazione alle 18:16. Il Sanremo Rally Storico ha uno sviluppo di 227,08 chilometri, 68,02 cronometrati suddivisi in tre prove speciali ripetute due volte.

Fra il rally moderno valido per il CIR (Campionato Italiano Rally) e lo Storico si inserirà la 12esima edizione del Sanremo Leggenda, che prenderà il via dal parco assistenza alle ore 8:26 del 3 ottobre per tornare alla Vecchia Stazione e terminare la gara alle 17:01. Il percorso del Sanremo Leggenda misura 204,19 chilometri di cui 58,85 cronometrati suddivisi in cinque prove speciali.  

Come è tradizione in coda allo storico va in scena la 34esima edizione della Coppa dei Fiori di regolarità che segue di pari passo il Sanremo Rallye Storico, partendo dal parco assistenza alle 10:31 e chiudendo la parte agonistica davanti alla Vecchia Stazione alle 18:56, dopo aver percorso 204,19 chilometri ed effettuato 39 prove lungo le speciali di Passo Teglia-Langan e Vignai, che i regolaristi percorreranno due volte.

Andrea Moggio

Tag: