Si apre una stagione primaverile ed estiva di grandi novità ed eventi per il M.A.C.I. – Museo di Arte Contemporanea di Imperia, che ospita la preziosa collezione “Lino Invernizzi” donata alla città ed esposta nella bellissima Villa Faravelli di corso Matteotti. È stato presentato dalla Società Cooperativa C.M.C. che da qualche mese gestisce la struttura, il calendario di “Progetto Tempo ‘17”, il programma di mostre temporanee e performance live con eventi collaterali che arricchirà il Museo proponendo nuovi percorsi e artisti. Saranno tre le proposte  artistiche che, mescolando eterogeneità, nuovi linguaggi e ricerca qualitativa, porteranno grandi novità a Imperia, per un concept nuovo di museo, rivolto al pubblico e ricco di proposte dinamiche. Una progettazione fortemente innovativa per il Ponente ligure, che guarda alla valorizzazione di una collezione di pregio coinvolgendo linguaggi trasversali, in grado di conquistare giovani ma anche famiglie, appassionati e curiosi. Parallelamente alla classica attività museale con visite guidate e percorsi didattici, ci saranno veri e propri happening con djset, live musicali, incontri, per raccontare un’arte contemporanea viva e dinamica.

Si parte sabato 25 marzo con una mostra tributo all’icona musicale più influente degli ultimi 50 anni: “David Bowie. The Real Face”. In città fino al 7 giugno, la mostra coinvolgerà esponenti significativi della pop art italiana guidati da Marco Lodola e impegnati in un personale omaggio alla figura del cantante inglese, scomparso un anno fa. Accanto alle sculture luminose di Lodola, i quadri, le foto e le sculture firmate da Giovanna Fra, Andy Fluon, Bianca Lodola, Sergio Pappalettera, Settimio Benedusi, Alfredo Rapetti Mogol. Presente a Villa Faravelli anche un oggetto cult, il calco originale del volto di Bowie, realizzato nel 1975 durante le riprese del film “The man who fell to Earth” (“L’uomo che cadde sulla Terra” – 1976), battuto all’asta da Sotheby’s negli anni ’90 e in seguito autografato dallo stesso Bowie.

Al vernissage di inaugurazione, previsto sabato 25 marzo alle ore 17.30, parteciperanno gli artisti, in un live dj set che si propone come una vera festa negli spazi del M.A.C.I., l’inizio di un nuovo corso per il museo. L’appuntamento vedrà la presenza di Red Ronnie, critico, giornalista ed esperto musicale nonché artefice della storica intervista a Bowie nel corso della quale il cantante firmò la “real face” che dà titolo alla mostra.

Il 1 giugno la programmazione prosegue con una mostra personale dell’innovativo visual artist torinese Luca Saini, nella sua proposta di un progetto del tutto inedito ideato appositamente per gli spazi della Villa dal titolo “VBR- xyz”. Ospitato al M.A.C.I. fino al 2 luglio, sarà un allestimento multidisciplinare, multimediale e interattivo tra arte, musica e videomaking sul tema della vibrazione sonora. Prezioso l’incipit della mostra, inaugurata da una due giorni di eventi e concerti live  – giovedì 1 e venerdì 2 giugno – con le performance e le esperienze visive e sensoriali e la partecipazione attiva del pubblico, che sarà oggetto di alcune riprese, parte integrante di un documentario realizzato dall’artista in esclusiva per questo speciale progetto.

Da giovedì 13 luglio a domenica 27 agosto, terzo appuntamento tutto al femminile, con la mostra personale di Carin Grudda, stimatissima artista tedesca, ligure d’adozione. La sua arte da anni acquisisce un rilievo internazionale, segnato da decine di partecipazioni e mostre personali in tutta Europa, arrivando fino alla Biennale di Venezia nel 2011, dove ha rappresentato l’Italia. Gli spazi interni e soprattutto l’ intero parco di Villa Faravelli, saranno lo scenario ideale per un viaggio tra le imponenti sculture in bronzo dell’artista, creature fantastiche di un mondo popolato di animali e personaggi simbolici, nati dall’immaginazione della Grudda.