Partenza ufficiale per la 17° edizione delle Vele d’Epoca di Imperia. Dopo l’inizio contrassegnato dal rovinoso incidente che ha distrutto Esterel, l’imbarcazione giunta a Imperia per festeggiare il suo secolo esatto di vita, il raduno ha ripreso vigore oggi con l’arrivo della maggior parte delle imbarcazioni, la registrazione ufficiale in preparazione delle regate dei prossimi giorni e con l’inaugurazione delle due mostre fotografiche che dureranno per tutto il periodo dell’evento.

Hanno salutato l’arrivo delle regine del mare le massime autorità civili e militari del capoluogo e della provincia durante la cerimonia di inaugurazione. Tra gli altri, il Prefetto Fiamma Spena, il Commissario Straordinario del Comune di Imperia Sabatino Marchione e il nuovo Comandante della Capitaneria di Porto Armando Ruffini, salutato dalla città negli scorsi giorni

Il Presidente di Assonautica Imperia Lucio Carli ha dato il benvenuto a tutti gli equipaggi presenti: “Quello di quest’anno è un evento significativo – ha annunciato– abbiamo avuto una partenza difficile e faticosa in seguito ai diversi problemi della città, ma abbiamo anche cercato di dare una soluzione a ogni problema, e il risultato ci sta dando soddisfazione”. Alla presentazione è stato ricordato il lavoro di equipe e squadra che ha permesso ad Assonautica e agli enti che supportano il raduno di costruire un evento, anche quest’anno, meritevole di attenzioni da parte del pubblico e dei media internazionali. Lucio Carli ha anche sottolineato la novità costituita dal disegno architettonico del villaggio delle vele di quest’anno: “Abbiamo ripreso l’idea del vecchio borgo della Marina, per sottolineare la vicinanza di Imperia e la sua tradizione marinara. Gli operatori del borgo sapranno dare la giusta accoglienza a tutti gli equipaggi. Speriamo che questo grande evento possa essere di esempio e traino per il rilancio economico della nostra città”.

“Voglio ricordare il lavoro dei tanti che hanno permesso di realizzare questo raduno – ha esordito raggiante il Commissario Marchione, al suo primo raduno di Vele d’Epoca a Imperia – l’Assonautica, gli enti, i volontari, il Comune e tutti gli imperiesi che hanno puntato a questo evento. Imperia ha bisogno di ripartire dopo un periodo difficile, noi come Comune faremo il possibile, gli imperiesi ce la metteranno tutta”.

Durante la serata sono state inaugurate le mostre fotografiche. “A passi di piombo”, affascinante viaggio nel mondo dei palombari, a cura di Paolo e Daniela Rastrelli, realizzata con la collaborazione del Com. Flavio Serafini, e “A_mare” di Settiminio Benedusi, alla presenza delle autorità. “Se avete un bel luogo dove metterla – ha dichiarato Benedusi davanti a Marchione, riferendosi alla gigantesca foto di un’onda, che costituisce l’installazione che dà nome alla sua mostra – la regalo al Comune di Imperia”. Una riscoperta, quella del legame con il mare e con la navigazione a vela, che si accompagna alla cultura per spingere davvero la città di Imperia a un rinnovamento e a una crescita nuovi.

La serata di apertura è proseguita poi con La Lira Battistiana, lo spettacolo omaggio a Lucio Battisti che ha visto esibirsi sul palco dell’area spettacoli diversi gruppi imperiesi tra cui i Sottosuono e la giovane ed emergente cantautrice genovese Chiara Ragnini.