Classicismo e avventura caratterizzano la prossima edizione del Festival Printemps des Arts, che a primavera trasforma il Principato in polo d’attrazione per artisti e formazioni di fama europea. Nell’arco di quattro weekend, dal 20 marzo al 12 aprile 2015, il festival si pone l’obiettivo di stupire e catturare l’attenzione del pubblico già a partire dalla grafica. Primo weekend (20-22 marzo): la forza drammatica di Bach, la musica evocativa di Sibelius e tre prime esecuzioni assolute inaugurano l’edizione 2015 del Printemps des Arts. Il concerto inaugurale di venerdì 20 marzo si terrà al Museo oceanografico di Monte-Carlo e in un luogo a sorpresa. Un’apertura insolita quella del Printemps des Arts 2015 che accende i fari sul mondo sonoro di François Bayle, una delle voci più note nell’ambito della musica concreta e contemporanea. Il concerto della giornata centrale di questo weekend sarà occasione per apprezzare l’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo alle prese con un’opera alla ricerca di risorse ancestrali, Voci: Orchesterübung di Donatoni. 
Il festival prosegue fino al 12 aprile con tanti appuntamenti accattivanti come il concerto del 28 marzo con Soile Isokoski e la BBC Symphony Orchestra, i recital dei pianisti Henri Barda (29 marzo) e Florant Boffard (2 aprile) e dei violoncellisti Xavier Phillips (9 aprile) e Camille Thomas (11 aprile), la grandiosa musica sinfonica di Sibelius affidata all’Orchestre philharmonique de Radio France (12 aprile).