Proseguono gli incontri culturali promossi dal Comitato Pro Centro Storico, con una conferenza di indubbio interesse " Il Verde dei Semplici", storia dell’erboristeria, virtù delle principali erbe officinali e le metodologie naturali che aiutano l’organismo a mantenersi in equilibrio . L’incontro è fissato per sabato 20 aprile, con inizio alle ore 16 presso il convento delle Suore dell’Orto a Ventimiglia alta.

Accompagnati dalla competenza ed esperienza di Gianni Conte, erborista e docente di fitoterapia e fitocosmesi presso l’Unitre, ci si addentrerà nel percorso evolutivo dell’utilizzo delle piante a scopo terapeutico, o come strategia preventiva per mantenere l’equilibrio psico-fisico.

"Da sempre le piante rappresentano la più grande risorsa che la natura abbia messo a disposizione dell’uomo, precisa Conte, e il loro valore è aumentato nel momento stesso in cui se ne sono scoperte le proprietà curative. Alcune piante sono diffuse nella maggior parte del nostro territorio perché crescono in modo spontaneo senza aver bisogno di un particolare habitat o di particolari condizioni del terreno.

Per secoli l’uomo ha sperimentato il valore terapeutico di queste piante che contengono principi attivi come oli essenziali, alcaloidi o glucosidi che è possibile estrarre da fiori, foglie o bacche, o anche dalle radici e usarli nella preparazione di impacchi, tisane, infusi o decotti. Non è raro scoprire che la maggior parte delle erbe che si usano in cucina per esaltare l’aroma delle pietanze abbiano anche qualità officinali".

"La natura è la guaritrice delle malattie", sosteneva Ippocrate, da tutti considerato il padre della medicina non solo greca.