Le pagelle delle canzoni dei Big in gara al Festival. Su tutti Gualazzi

Festival

Notevole il suo duetto con The Bloody Beetroots. Poi Giuliano Palma. Da segnalare De André, Frankie Hi Nrg, Sinigallia e i Perturbazione

SANREMO – Ecco le pagelle dei brani dei Big in gara. Con il ritorno di Fabio Fazio e con la direzione musicale del maestro Mauro Pagani il livello delle canzoni è tornato buono. Così era già successo l’anno scorso. La conferma arriva anche nel 2014. Certo, c’è anche un po’ di nazional-popolare (vedi Ron o Giusy Ferreri), ma in generale sono diverse le canzoni interessanti in gara. Su tutti spicca Raphael Gualazzi con The Bloody Beetroots. Il pianista-cantante si conferma come una delle più belle realtà della scena jazz-soul d’autore. Con lui si tiene il tempo e ci si emoziona. Ottima la scelta del coro Gospel. A ruota Giuliano Palma, ex Casino Royale. Notevole la sua estensione vocale in stile retrò, tra ska e anni 60. Bravo Cristiano De André con «Il cielo è vuoto» e «Invisibili». Due brani molto ispirati e veri. Urgenti. Da segnalare il rapper Frankie Hi Nrg (anche se meno "arrabbiato" rispetto agli inizi), il cantautore Riccardo Sinigallia e il rock d’autore dei Perturbazione. Molto elegante e raffinata Antonella Ruggiero. Bene anche Francesco Renga, Noemi e Arisa, in costante crescita. Per il resto poco da segnalare. 

Tag: