"Una 14 km muscolare, allenante e buona per saggiare in prospettiva le forze fisiche per una mezzamaratona. Poi la consueta organizzazione francese calibrata alla perfezione e la cornice di pubblico a spingerti. L’agonismo che passa in secondo piano e la voglia di divertirti che prende il sopravvento su tutto".

Queste le parole di Antonello Filippo all’arrivo della corsa di Cap d’Ail. Ad accompagnarlo nella prova un’altra veterana delle corse su strada: Patrizia Negri. Anche lei interprete di una gara con funzioni "di allenamento" in vista della 100 km del Sahara (che verrà corsa in Tunisia) che l’attende per Ottobre.

Ora la Ventimiglia Marathon è attesa da una cena sociale per Venerdì 28 Settembre, alla pizzeria "Meridiana" (ore 20.00) dove verranno discussi, alla presenza dei tesserati gli obiettivi stagionali e verrà fatto un bilancio dell’anno trascorso.

Un anno importante. Che ha visto rinascere a Ventimiglia una società Master di podismo grazie alla volontà del Presidente Onorario Palmiro Iamundo.