La seconda edizione dell’Ultra Trail della Maddalena, in programma il prossimo 5 giugno, sarà valida come prova unica del Campionato Italiano Iuta di Ultra Trail su media distanza. La validità della gara come Campionato Italiano è considerata uno stimolo e una responsabilità in più nel preparare una competizione all’altezza delle aspettative dei già molti trailers che hanno già annunciato la loro partecipazione. La gara rispetterà la formula dello scorso anno, con una lunghezza di 65 Km ed un dislivello complessivo di 3mila metri, ma proporrà un tracciato leggermente modificato nella sua parte iniziale.
Michele Graglia, ideatore dell’UTM e direttore di corsa, ha infatti variato alcuni tratti di percorso per renderlo ancora più affascinante anche sotto l’aspetto paesaggistico. Il via sarà dato da Taggia, con i partecipanti che guadagneranno subito quota raggiungendo prima Castellaro e poi la vetta del Monte Faudo, dopo essere transitati per il Santuario di Lampedusa e San Salvatore. Il percorso procederà poi fino a Montalto Ligure, Badalucco, il Monte Merlo e la Maddalena, per concludersi di nuovo a Taggia.
“La seconda edizione dell’Ultra Trail della Maddalena ha un significato molto forte per me – dichiara il direttore di corsa Michele Graglia -. E’ la conferma che il duro lavoro e tutto l’impegno dedicato dall’Organizzazione ha avuto successo. Nel 2015 si è lanciata questa sfida come un Evento Trail di grande valore e di prima categoria. Il fatto che l’UTM 2016 sia già entrata a far parte del Circuito Nazionale di Ultra Trail è solo un’ulteriore conferma della Qualità dei nostri Trail e della Bellezza delle nostre montagne, e boschi. Credo questa Manifestazione rappresenti anche una enorme opportunità per la crescita, rivalutazione e promozione del nostro territorio, dall’entroterra davvero mozzafiato!”.
In programma anche due gare su distanze inferiori, di 25 Km (1000 mt di dislivello) e 14 (600 mt), per permettere a chi non è un ultratrailer di essere protagonista e correre in un percorso spettacolare sulle montagne dell’estremo ponente ligure, in alcuni degli angoli più belli e suggestivi della Valle Argentina.