Sotto le "sapienti" cure sportive di Antonino Cuffaro (A.s. Monaco) ventimigliese d.o.c con tempi keniani in maratona e reduce dal Campionato Mondiale di Corsa in Montagna sotto le insegne del Prinicipato di Monaco, si stanno allenando da qualche mese in previsione della Maratona di Firenze (25 Novembre) Bruno Stilo, Flavio Pettirossi, Adriano Catalano e Salvatore Campagna: "I miei quattro figli sportivi" – come li definisce lui – "li seguo quotidianamente nelle performance sportive e nella loro dieta", ci dice al termine della cena sociale di qualche giorno fa. "L’altro giorno – continua "Nino" – Salvatore si è bloccato al termine di un allenamento, sono riuscito a massaggiarlo seduta stante e sbloccarlo. Il giorno dopo, con sua gioia, gli ho permesso di correre. E’ dura stare dietro a quattro "ragazzini" come loro (età 45 – 55 anni) ma gratificante".

Il 4 Novembre, invece, nella Maratona di Nizza/Cannes (quest’anno 12.000 iscritti, un record!) si allineeranno al via Emiliano Scandi, Roberto Beccaria e Piero Macchiarella, il quale, allenandosi in solitudine, ci dice: "Sto seguendo un mio programma personalizzato dove alterno la corsa alla bici, per non stressare il fisico. Punto a stare poco sopra le tre ore. E’ la mia prima maratona, tutto ciò che verrà quindi sarà buono…".

A Venezia (28 Ottobre) sarà sulla "griglia" di partenza Romina Revelat che come dice lei "è passata dal divano alla 42 km" sotto la guida di Andrea Caffara (anche lui Ventimiglia Marathon), suo compagno di vita e allenatore "ad personam", che la segue passo passo nella preparazione. Domenica prossima l’attenderà l”ultimo "lungo" di trentasei km, poi sarà Maratona di Venezia.

Non mancheranno di tenere alta la bandiera biancoverde della Ventimiglia Marathon Patrizia Negri e Teodoro Mosna: la prima tra il 26 e 27 Ottobre prenderà parte alla 100 km del Sahara tunisino; un’unica tappa tra il fascino delle dune e della corsa "off road" africana. Il secondo ormai si è specializzato nelle Maratone Internazionali. Al suo attivo gare in Islanda, Polonia, Ungheria, Malta…Un veterano, insomma, delle gare internazionali.

Per chi un anno fa guardava con diffidenza alla nascita di una nuova società sul suolo ponentino, risposta migliore non poteva esserci: la forza di un gruppo e di una società è data dalle amicizie e dalle tante gare fatte per farsi conoscere.

E sotto questo punto di vista la Ventimiglia Marathon…c’è!

Keep on running!