Il Pigato: un vitigno varietale che vuol dire Liguria occidentale

Food&Drink, Mare&Territorio, Speciale, Territorio

Il Pigato, per la Liguria occidentale, è oggi simbolo di tipicità. Si tratta infatti della più rinomata espressione vitivinicola locale, prodotta in una quantità sufficiente a creare mercato. Il cammino per arrivare al Pigato è stato però molto complesso. Eppure, vi sono date fondamentali nella storia del Pigato. Già nel 1830-31 l’arciprete di Ortovero, a ridosso della piana di Albenga, Francesco Gagliolo, ne aveva promosso la coltivazione. Era nata ufficialmente l’attenzione per questo prodotto, poi confermata da più accurate indagini avvenute nel lontano 1873 e con i successivi reimpianti di vitigni a seguito del rinnovamento del patrimonio viticolo per estirpare il contagio dalla fillossera.

Il territorio comunale di Ortovero è ancora oggi un’area privilegiata di produzione. In ogni caso in altre zone ben esposte della Liguria occidentale vi sono spazi adatti a questo vitigno, sempre strappati con fatica alle ripide colline mediante i terrazzamenti sostenuti da muri in pietra. Il nome di “Pigato” deriva verosimilmente dalla tipica macchia che compare sull’acino (dialettale “pigau”, la macchia è la “piga”). In ogni caso anche il Pigato fa storicamente parte di quei vini indicati come “Riviera nostrale bianco” dagli elenchi ottocenteschi, venduto a prezzo maggiore, perché di qualità più elevata. Il Pigato rientra nella DOC “Riviera Ligure di Ponente”. È un vino bianco secco. Il suo colore giallo paglierino può essere anche molto tenue, ma il profumo fragrante e fruttato saprà convincere in modo immediato. I sentori tipici, in bocca, sono ricchi, ammalianti: frutta gialle (pesca), miele, fiori di campo, salvie morbide, talvolta resine naturali. Il corpo è buono, la persistenza in bocca darà soddisfazione per lungo tempo e il finale un po’ amaro lascia la bocca “buona” e pulita. E gli abbinamenti sono molteplici, individuandoli con molti piatti dell’ambito mediterraneo, soprattutto ove si utilizzano le erbe aromatiche. E con il pescato e i piatti combinati della cucina internazionale, anche come contrappunto di spezie non troppo aggressive.

[Alessandro Giacobbe]

Tag:
Villa Angerer

Villa Angerer

Villa Angerer e l’annesso giardino, un vero gioiello architettonico a pochi passi dal Casinò, sono...

Villa del Sole

Villa del Sole

Il parco di distende all’estrema periferia di Levante di San Remo, ai margini di una proprietà ben...

Villa Nobel

Villa Nobel

La costruzione della villa divenuta poi ultima residenza di Alfred Nobel va situata nel fenomeno...

Villa Ormond

Villa Ormond

Il parco Ormond è forse, dopo i giardini Hanbury, il più entusiasmante spazio botanico di accesso...