Il pesto non rappresenta solo il patrimonio enogastronomico, ma è il testimonial principe della nostra  Regione nel mondo. La salsa al mortaio della nostra tradizione è il vero valore aggiunto, testimonianza ancora sottoutilizzata della nostra offerta turistica legata al segmento enogastronomico.

Secondo Coldiretti “l’Italia è leader nel turismo enogastronomico a livello mondiale con oltre 24 miliardi di euro spesi dai turisti nazionali ed esteri nel belpaese per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per acquistare prodotti tipici”.

Di qui l’idea di realizzare una serie di laboratori del gusto, nelle varie località della riviera, in riva al mare, dove insegnare e far sperimentare la ricetta originale del pesto ligure a tutti gli stranieri che soggiornano nella "Baia del Sole" ed in particolare a quelli provenienti dai Paesi dell’ex Unione Sovietica, che adorano la nostra salsa.

La prima scuola di pesto in riva al mare, che si svolgerà mercoledì 31 luglio 2013, alle ore 11,30,  presso lo stabilimento balneare “Boscione” è organizzata da Franco Laureri e Felix Lammardo del brand “Italian Riviera Style” in collaborazione con il primo portale ligure in lingua russa, TurizmItalia.com, l’associazione  Bagni Marini di Alassio, il contributo del Frantoio Armato e dell’azienda Crealab ed è finalizzata a promuovere, attraverso una campagna di marketing 2.0 e sui social network, le eccellenze della Liguria.