Forte di Santa Tecla, il carcere rinasce come centro culturale

Territorio

A fine ottobre il termine della prima tranche di lavori, a novembre l'apertura al pubblico

A circa 260 anni dalla sua erezione, il Forte di Santa Tecla, nei pressi del Porto Vecchio di Sanremo, riapre i battenti come centro culturale, dopo un anno di restauri, che termineranno a fine ottobre.  Nato come presidio della Repubblica di Genova nel 1700 per contrastare la popolazione ribelle locale, il Forte è stato convertito a diversi utilizzi nel corso della storia. Dopo l’occupazione da parte dell’arma napoleonica, il Forte divenne sede della fanteria sabauda, nel 1864 fu invece trasformato in carcere fino al 1997. 
I lavori di restauro, finanziati in parte dalla Regione Liguria e in parte dal Comune di Sanremo, hanno interessato tre aree del piano terra: il grande cortile centrale e due sale. Una seconda tranche di lavori, per i quali si stanno cercando i fondi, interesseranno invece i piani superiori, che manterranno vivo lo stile e la storia del Forte. Complessivamente saranno a disposizione di esposizioni, convegni e incontri culturali, oltre 1100 metri quadrati, inoltre è previsto un ristorante e un teatro all’aperto di circa 250 metri quadri. Con il Forte di Santa Tecla la Città dei Fiori si arricchisce di un centro dedicato a cultura e intrattenimento.

Tag:
Villa del Sole

Villa del Sole

Il parco di distende all’estrema periferia di Levante di San Remo, ai margini di una proprietà ben...

Villa Nobel

Villa Nobel

La costruzione della villa divenuta poi ultima residenza di Alfred Nobel va situata nel fenomeno...

Villa Ormond

Villa Ormond

Il parco Ormond è forse, dopo i giardini Hanbury, il più entusiasmante spazio botanico di accesso...