Inaugurerà lunedì 5 marzo alle 17.00 al Museo del Fiore di Villa Ormond: è lo speciale corso dedicato all’arte dei parmuleri, che insegnerà ai partecipanti le tecniche di intreccio delle palme in vista delle celebrazioni legate alla Pasqua. Il corso, organizzato dal Centro Studi e Ricerche per le Palme, sarà presentato dall’assessore allo sviluppo economico e fondi europei Barbara Biale. Intrecci di palme nella tradizione del parmurelo, questo il titolo dei tre appuntamenti, che dopo il 5 marzo si ripeteranno il 15 e il 19 marzo alla Palazzina Prediali. La partecipazione è gratuita, basterà iscriversi via mail a sanremopalme@gmail.com oppure contattare il numero 335/5808477 e arrivare muniti di forbicine da carta, le foglie di palma per le esercitazioni saranno messe a disposizione dal Centro Studi. .

Attenzione, il corso è riservato ai primi 30 iscritti. Referenti saranno Claudio Littardi e Claudia Aprosio: mentre la prima lezione sarà dedicata alle palme del Mediterraneo tra storia, cultura, religione e miti, con la rievocazione della storia di Capitan Bresca, a cui seguirà la preparazione delle foglie, con dimostrazioni e realizzazione di intrecci, i seguenti appuntamenti saranno interamente dedicati a tecniche e realizzazione, e si concluderanno con una mostra espositiva dei lavori ottenuti e la consegna di attestati di partecipazione.

Un’antica tradizione locale, che include alcuni centri del Ponente come Bordighera e Sanremo, vede le palme liguri inviate in Vaticano in occasione della Domenica delle Palme. Si tratta del cosiddetto “privilegio di Capitan Bresca”, celebre capitano che dà il nome alla famosa piazza sanremese. Nel 1586 Bresca fu protagonista delle operazioni per innalzare l’obelisco di Piazza San Pietro a Roma: le corde, sfilacciate dal peso, stavano impedendo la riuscita delle operazioni quando lui urlo il celebre motto “Aiga a-e corde!” – acqua alle corde. Una disposizione che salvò l’operazione e per la quale Bresca fu onorato dal Papa: non solo infatti fu nominato capitano onorario delle guardie pontificie, ma gli fu concessa la fornitura esclusiva al Vaticano delle palme per la Pasqua, naturalmente in arrivo dalla Riviera. Si tratta di un privilegio che, tra storia e leggenda, è confermato ancora oggi, nell’accordo tra lo Stato Pontificio e i discendenti di Bresca.

Oltre al patrocinio del Comune di Sanremo e della Famija Sanremasca “Arti e Tradizioni”, il corso è realizzato in collaborazione con la “Cumpagnia d’a Parmura” di Bordighera. Da Sanremo e Bordighera arrivano infatti gli artisti dell’intreccio, nel rispetto dell’antica tradizione che vede coinvolte le due città: Grazia Errico, Gianfranco Borro, Valentina e Angelo Boeri, Walter e Bartolomeo Nobile, Maura Traverso e Claudio Gazzoni.