La serata “cover” di questa sera sul palco dell’Ariston si apre con nuovi successi di share che sono stati resi noti durante la consueta conferenza stampa di mezzogiorno dai vertici Rai. Sono infatti stati nove milioni gli italiani sintonizzati ieri sera davanti a Rai1 per la seconda serata del Festival di Sanremo, per una media del 46,6 per cento di share: un lieve calo, fisiologico, rispetto alla serata d’esordio, ma nonostante questo un’ottima performance, che colloca quello del 2017 come il secondo miglior festival dal 2005, in coda solo al 2016. Del resto anche nel 2016 al comando della direzione e della conduzione della gara canora più famosa d’Italia c’era ancora una volta Carlo Conti, raggiante insieme alla co-conduttrice Maria De Filippi, oggi interrogata tra sorrisi e malizie sul bacio che ieri sera l’ha vista protagonista sul palco insieme alla star Robbie Williams, uno dei picchi di share del mercoledì. “Il festival è un evento intorno a cui il Paese si riunisce”, ha confermato il direttore di Rai1 Andrea Fabiano, mentre Carlo Conti ha sottolineato ancora una volta la centralità delle radio nel costruire la programmazione dei prossimi mesi all’insegna dei brani sanremesi, nuove proposte innanzitutto.

È infatti a loro che la primissima fascia del Festival è dedicata: dopo l’esibizione di ieri dei primi 4 giovani in gara, questa sera toccherà agli altri quattro che concorrono verso la finalissima di venerdì 10.

Intanto grandi ospiti e momenti di spettacolo anche questa sera, con Mika, LP, la comicità di Luca e Paolo, e poi la coppia di attori Alessandro Gassman e Marco Giallini. Sfilerà all’Ariston anche la belleza di Anouchka Delon e Annabelle Belmondo, modella franco-americana, nipote dell’attore Jean Paul Belmondo, recentemente finita su Paris Match e divenuta icona di charme. La musica si farà sentire anche da oltre oceano, grazie alla presenza a Sanremo del l’Orquestra Reciclados Cateura. Cateura è il poverissimo insediamento sorto sopra una discarica in Paraguay dove è nata un’orchestra, tutelata dall’UNICEF, che suona con materiale riciclato dai rifiuti della discarica: bidoni, cucchiai, tubi, fili, corde, per un repertorio che spazia dalla musica classica a quella latino americana portandosi dietro classici pop dei Beatles e di Frank Sinatra, ma anche colonne sonore. Al Festival diretti dal maestro Fabio Chavez, eseguiranno un adattamento dalla Primavera di Vivaldi. Ancora musica, per i più piccoli, con il momento che aprirà la serata di oggi all’Ariston: il piccolo coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano. In programma un medley dei più famosi brani dello Zecchino d’Oro. Dirette da Sabrina Simoni, le piccole voci bolognesi sono appena rientrate dal tour in Cina, che li ha visti protagonisti di 8 spettacoli, e si apprestano a calcare la scena dell’Ariston per festeggiare i 50 del “Sanremo dei piccoli” tra ricordi del passato e un omaggio speciale alla musica del Festival.

Credits fotografici: Ufficio Stampa Rai-iwan.