Dopo la due giorni dello scorso weekend dedicata ai 300 anni dalla scomparsa dell’astronomo G.D. Cassini, Perinaldo, il paesino dell’entroterra ventimigliese che diede i natali allo scienziato, e che ora è sede di un’importante centro di ricerca sull’astronomia, prosegue con gli eventi e gli incontri dedicati all’osservazione della volta celeste.

Sabato 22 settembre sarà infatti la serata dedicata interamente al satellite della Terra, la Luna. “La notte della luna”, evento organizzato in occasione della serata mondiale della luna, avrà inizio presso l’osservatorio alle ore 21.30. Il satellite della Terra sarà descritto e poi lo si potrà osservare in diretta su grande schermo. Grazie alla strumentazione dell’osservatorio, sarà poi possibile utilizzare i telescopi per osservazioni più mirate della Luna: si scopriranno così le montagne, le valli e i crateri che ne caratterizzano la superficie. Come sempre, le guide dell’osservatorio coinvolgeranno il pubblico non solo nell’osservazione della Luna, ma anche di tutte le stelle e costellazioni visibili a occhio nudo ne cielo di fine settembre. L’ingresso a “la notte della luna” costa 6 euro, ridotto 4.

Settembre non finisce però con la luna: domenica 23, giornata dell’equinozio d’autunno, alle 11 e alle 11.30 saranno effettuate osservazioni del Sole e visite alla Meridiana della Visitazione. Ed è già in allestimento il programma di ottobre: sabato 6, alle 21, il ritorno di Giove, con l’osservazione del pianeta, di Urano, delle stelle doppie, degli ammassi stellare, delle nebulose e della galassia di Andromeda. Sabato 13, sempre alle 21, alle classiche osservazioni si aggiungerà anche la prima serata del tramonto della luna. Infine sabato 20 ottobre, alle 21, aspettando le stelle cadenti arricchirà le osservazioni con l’avvistamento delle Meteore Orionidi, provenienti dalla cometa di Halley passata l’ultima volta nel 1986, e di ritorno per estate del 2061.