E’ in corso di svolgimento a San Bartolomeo al Mare, la ridente cittadina balneare vicina a Diano Marina, la trecentotredicesima edizione della " Fiera della Rovere" la caratteristica fiera agricola che, nel suo genere, senza ombra di dubbio può essere annoverata tra le più risalenti nel tempo non solamente in Liguria ma in tutto il Nord Italia. Da tempo immemore si svolge in concomitanza con la ricorrenza della Candelora quando gli agricoltori, trascorso il gelo invernale, cominciavano a pensare a come riassettare i terreni in vista della semina d’inizio Primavera.

Come noto, secondo un antico proverbio popolare, se alla Candelora avesse fatto cattivo tempo probabilmente l’inverno sarebbe terminato di li a breve mentre se ci fosse stato il sole ed avesse tirato vento i rigori della cattiva stagione si sarebbero fatti sentire ancora per un po’. La Fiera della Rovere, che prende il nome dal tardo rinascimentale santuario omonimo che è un po’ il simbolo della località dell’Imperiese, rimanda con i ricordi ai tempi andati, anche risalenti a qualche secolo or sono, quando ci si radunava, solitamente, in occasione delle principali festività cristiane vicino alle maggiori chiese per stipulare i più importanti affari.

Allora come oggi convenivano a San Bartolomeo al Mare genti da ogni contrada del Ponente Ligure per acquistare prodotti agricolo od animali da cortile e da soma esiziali in agricoltura. Da quest’anno uno dei più popolari animali da cortile, il gallo, sarà protagonista domani mattina all’aurora, cioè alle cinque e mezza quando tutt’intorno è ancora buio, di una singolare tenzone denominata " Il Canto del Gallo".

Circa venti esemplari di questa specie delle gallinacee, popolarmente noti come i " Re del Pollaio", si scontreranno tra di loro misurando le rispettive ugole. Alla fine risulterà vincitore colui che per qualità del canto e per durata del medesimo, avrà sbaragliato al concorrenza. Le prove in cui i " campioni in penne e piume " si confronteranno saranno tre e ad ognuna sarà attribuito dalla giuria ad ogni concorrente un punteggio. Il vincitore, ovviamente, al termine delle tre prove dovrà conseguire il punteggio che dalla sommatoria dei parziali sarà risultato maggiore.

Un’attrattiva in più, e davvero unica, dunque quest’anno richiamerà i visitatori a questa Fiera che gode, tra l’altro, del patrocinio del Ministero per le politiche agricole e della Regione Liguria. Ovviamente l’orario antelucano della manifestazione " canora" riservata ai galli, forse, terrà lontana la gran massa dei curiosi ma, c’è da giurarci, moti saranno coloro che comunque non vorranno mancare.           

SERGIO BAGNOLI